Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Concerto “Gala Rossini – Barbiere smart”

Data:

28/03/2018


Concerto “Gala Rossini – Barbiere smart”

Il 21 marzo scorso, in occasione della “Settimana della Regione Marche a Riga”, quest’Ambasciata – in collaborazione con la Regione Marche, l’Orchestra Sinfonica G. Rossini e il “Rossini Opera Festival” – ha organizzato il concerto "Gala Rossini – Barbiere smart" presso la Grande Gilda.1218 fotobrencisinbox.lv

Si sono esibiti sul palco in una versione ridotta del Barbiere di Siviglia i solisti dell’Orchestra Sinfonica G. Rossini e i cantanti selezionati dal “Rossini Opera Festival” (nella foto, da sinistra a destra: Christian Collia, tenore; Silvia Stella, violino; Nicola Medici, oboe; Paride Battistoni, violino; Colombo Silviotti, violoncello; Aldo Zangheri, viola; Vasilisa Berzhanskaya, mezzo-soprano; e William Hernandez, baritono [foto di Jānis Brencis]).

Lo spettacolo, dinamico e vivace, ha riscosso grande successo tra il pubblico, anche grazie all'eccezionale espressività dei tre cantanti e in particolare del baritono William Hernandez.

Il concerto rientra nelle celebrazioni organizzate in occasione del 150esimo anniversario della morte di Gioachino Rossini ed è stato a lui dedicato. 

Rossini è stato sicuramente uno tra i compositori d’opera più importanti della storia. Pesaro, sua città natale e luogo in cui ogni anno si svolgono importanti manifestazioni a lui dedicate, ha costituito un comitato nazionale presieduto dal presidente Giorgio Napolitano per proporre Rossini come brand italiano nel mondo. L’Orchestra Sinfonica Rossini, orchestra della città di Pesaro, ha predisposto un progetto speciale incentrato sul Barbiere di Siviglia con arrangiamenti del M° Noris Borgogelli. Si tratta di un ampio estratto del capolavoro rossiniano trascritto per ensemble di strumentisti e con la presenza dei cantanti principali dell’opera.

Il Barbiere di Siviglia è un’opera buffa in due atti scritta su libretto di Cesare Sterbini e tratta dalla commedia omonima di Beaumarchais. Il titolo originale era Almaviva, ossia l'inutile precauzione. Prima di Rossini, Giovanni Paisiello, uno dei maggiori rappresentanti dell’opera napoletana, aveva messo in scena il suo Barbiere di Siviglia nel 1782 che gli aveva donato uno dei maggiori successi della sua fortunata carriera. La prima rappresentazione della versione rossiniana ebbe luogo il 20 febbraio 1816 e fu un fiasco, riscattato, però, immediatamente dal successo delle repliche. L'opera di Rossini finì ben presto per oscurare quella di Paisiello, divenendo una delle più rappresentate e probabilmente la più famosa del compositore pesarese.

Il concerto è stato inoltre seguito da un ricevimento in cui sono stati serviti prodotti tipici marchigiani.

Altre foto dell'evento sono disponibili sito facebook dell'Ambasciata (Italy in Latvia).  


420